20/10/2017
Direttore: Franco Liistro

Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati

Euautopezzi
 

ANCORA DOMINIO AUDI : GREEN ROMPE IL CAMBIO E A SORPRESA VINCE RAST

 

Spielberg. Dominio Audi scontato come in Gara 1, ma nè Green, nè Ekström sono saliti sul podio: è toccato a Renè Rast tagliare per primo il traguardo al 39° giro della sedicesima prova del DTM. Green ha condotto con autorevolezza fin dal via anche, e nonostante, l'intervento della Safety car, causata da una toccata di Spengler ad Auer al 31° giro, che ha ricompattato il gruppo, fino a 3 giri dal termine quando ha ceduto la trasmissione della sua Audi RS5 DTM.

Rast, Rockenfeller e Nico Müller hanno quindi completato la seconda tripletta per la Casa degli Anelli, dopo che all'ultimo giro Nico ha lasciato passare Rocky alla curva 4. Quando è entrata la Safety car l'inglese dell'Audi (doppio Poleman nel weekend) e Rast avevano un consistente vantaggio su Müller, Marco Wittmann, Rockenfeller e Mattias Ekström: il restart ha visto i piloti Audi imporsi su Wittmann, con warning per lo svedese dell'Audi.

Ogni velleità di Audi di manipolare la classifica del Campionato è venuta meno quando Gary Paffett (quarto e primo "degli altri") ha sorpassato prima Wittmann e poi Ekström, rispettivamente sesto e quinto alla fine. Timo Glock, autore di una corsa incolore, è giunto settimo, davanti a Loic Duval, molto veloce nel finale; chiudono i Top 10 le due Mercedes di Paul di Resta e Robert Wickens, mai veramente in partita.

Dopo la bella gara di sabato ci si aspettava altrettanto da Edoardo Mortara, ma l'italiano di Ginevra è ancora una volta partito male e si è dovuto ritirare a causa di un. Contato con Augusto Farfus, anche lui fuori dai "radar".

E siamo giunti alla vigilia della "Grosse Finale", che rimane aperta, ma solo per i piloti Audi e (teoricamente) per marco Wittmann e Lucas Auer: la storia del DTM ci ha insegnato che nulla è impossibile. Nel frattempo è partita la corsa per accaparrarsi i biglietti per Hockenheim.... dove gli spettatori saranno almeno quattro volte i 35'000 presenti al Red Bull Ring. (Guido M. Pedone)

Ordine di arrivo - Gara 2 dopo 39 giri:


1 - René Rast (Audi RS5) - Rosberg -  57'21"893, media 176.138 Km/h

2 - Mike Rockenfeller (Audi RS5) - Phoenix - 1"025

3 - Nico Müller (Audi RS5) - Abt - 1"824

4 - Gary Paffett (Mercedes C63) - HWA - 3"741

5 - Mattias Ekström (Audi RS5) - Abt - 6"136

6 - Marco Wittmann (BMW M4) - RMG - 7"968

7 - Timo Glock (BMW M4) - RMR - 8"181

8 - Loic Duval (Audi RS5) - Phoenix - 8"457

9 - Paul Di Resta (Mercedes C63) - HWA - 9"328

10 - Robert Wickens (Mercedes C63) - HWA - 11"305

11 - Maxime Martin (BMW M4) - RBM - 12"126

12 - Augusto Farfus (BMW M4) - RMG - 12"696

13 - Tom Blomqvist (BMW M4) - RMR - 14"745

14 - Jamie Green (Audi RS5) - Rosberg - 16"754

15 - Maro Engel (Mercedes C63) - HWA - 27"255

16 - Bruno Spengler (BMW M4) - RBM - 28"571
Il campionato dopo 16 di 18 gare

1.Ekström 172 punti; 2.Rast 151; 3.Green 137; 4.Rockenfeller, Wittmann 134; 6.Auer 131; 7.Glock 115; 8.Wickens 113; 9.Martin 110; 10.Di Resta 99