16/08/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

14° RALLY STORICO CAMPAGNOLO: E’ IL QUARTO ROUND DEL CAMPIONATO

 

Vicenza. Al Rally Storico Campagnolo, sono settanta i concorrenti iscritti, annunciandosi protagonisti di sfide spettacolari per scrivere il proprio nome nell'Albo d'Oro della gara ed acquisire punti per le classifiche del Campionato Italiano Rally Auto Storiche. In provincia di Vicenza è evento sportivo d'eccellenza la gara organizzata da Rally Club Team, quarto appuntamento del Campionato Italiano Rally Auto Storiche, in programma venerdì 1 e sabato 2 giugno in provincia di Vicenza.

Tra le fila degli organizzatori si respira aria di soddisfazione, a giudicare dal numero delle adesioni al rally, ma anche perchè nel fine settimana vicentino, gli equipaggi saranno molti di più: a quelli del campionato italiano rally, si affiancano infatti quelli che gareggiano alla decima edizione del Campagnolo Historic di Regolarità Sport ed i protagonisti del Trofeo A112 Abarth. In totale saranno centotrentadue i concorrenti a bordo delle proprie auto, ad animare le tre gare sulle strade venete.

Al rally Tricolore, si schierano diversi, se non tutti gli attori della serie nazionale ACI Sport. Reduce dal secondo posto conquistato alla Targa Florio, il varesino Marco Dell’Acqua è protagonista del 1. Raggruppamento anche grazie al secondo posto nella prova di Arezzo ed il piazzamento a Sanremo.

A tentar di contrastare il passo del lombardo con la Porsche 911 S, ad Isola Vicentina si presenta il siciliano Giuseppe Nuccio, veloce e grintoso pilota su BMW 2002 Tii con la quale si mise in luce lo scorso anno, ma ad essere di riferimento saranno anche le prestazioni dell'alessandrino Luigi Capsoni, in gara con la Alpine Renault A 110, e quelle del temibile Fabrizio Pardi, con la Lancia Fulvia Hf 1.3.

Sarà Alberto Salvini il pilota da battere nel secondo Raggruppamento. Sulle dieci prove speciali del rally, il senese campione italiano in carica con la Porsche 911 Rsr Gruppo 4 saprà esaltarsi e proporsi anche nella sfida per l'affermazione assoluta, pungolato dalle prestazioni che il biellese Marco Bertinotti saprà esprimere al volante dell'impegnativa coupè tedesca, gemella di quella del toscano.

Da tenere in considerazione anche la presenza di Giorgio Costenaro, il vicentino gentleman driver della fantastica "Betè a Gagner" Lancia Stratos Hf. Altri attori della categoria, sono da ricercarsi tra gli outsider di lusso al volante di Porsche, quali Edoardo Valente e l'alessandrino Roberto Giovanelli; in classe "Duemila" l'esperto Rino Righi non perderà l'occasione per ribadire la competitività con la Ford Escort MK1, contrastato dai biellesi Walter Anziliero, accreditato di una Escort MK2, Bruno Graglia a bordo della Fiat 124 Abarth e Gian Franco Pianezzola su Alfetta GT, mentre con una "Junior" si presenta invece Carlo Celentano. Fiat 125 S per Roberto Stevan, Ermanno Caporale sarà al volante di una Lancia Fulvia Coupè.

Il terzo Raggruppamento promette scintille, come sempre. A firmare risultati spettacolari saranno il campione in carica Roberto Rimoldi, pronto a riscattare un inizio poco felice ed avversato da problemi tecnici alla Porsche 911 Sc Gruppo 4. Il biellese ritroverà sulle sue scie il toscano Giammarco Marcori, primo leader della classifica ed il siciliano Natale Mannino, tutti su Porsche 3000 e sfidati dal bresciano Marco Superti al rientro.

Tra loro, potrà inserirsi il giovanissimo Alberto Battistolli, il vicentino figlio di "Lucky" al volante della Fiat 131 Abarth Gruppo 4 di classe 2000, impensierito da Pierluigi Zanetti, su Opel Ascona Scuderia e dal trentino Tiziano Nerobutto su Opel Kadett Gt/E e Concetto Pettinato con la Ford Escort RS.

E' uno scrigno di vetture d'elevata tecnologia il quarto raggruppamento, nel quale compaiono i mattatori del Trofeo Nazionale assoluto. Eterogeno comparto, al via si presentano l'inossidabile fuoriclasse "Lucky" che resta il protagonista assoluto a bordo della Lancia Delta Integrale Gruppo A, con la quale è campione in carica, ma sfidato apertamente dall'emiliano Elia Bossalini, giovane ed ottimo interprete della non facile Porsche 911 SCRS Gruppo B e vincitore assoluto dell'inaugurale Rally delle Vallate Aretine e della Targa Florio.

Attesi al via dal centro di Vicenza e sulle strade della provincia vicentina, sono il veneto Serafino Tolfo ed il sammarinese Marco Bianchini, a garantire spettacolo e alte prestazioni al volante di performanti Lancia Rally 037 Gruppo B. Fari puntati, non solo sulle prove speciali serali, ad illuminare i traversi del locale Paolo Nodari, che con la BMW M3 potrà dire senz'altro la sua proporsi per un risultato eclatante, spinto dalla sfida con il senese Valter Pierangioli, terzo assoluto alla Targa Florio a bordo della Ford Sierra Cosworth, stessa vettura inglese che sarà utilizzata in gara dal veneto Riccardo Bianco, mentre Nereo Sbalchiero avrà a disposizione una Subaru Legacy Turbo ed il bresciano Giulio Pedretti rientrerà in gara con la BMW M3.

Tra le trazioni anteriori di J2 in evidenza saranno Andrea Montemezzo e Marco Frainer entrambi su Opel Kadett; Fiat Ritmo 130 TC per la campionessa italiana Fiorenza Soave.  La Classe J1 del 4 Raggruppamento vedrà al via il friulano Mauro Simontacchi, con l'intramontabile Renault 5 GT Turbo, ma anche Lorenzo Scaffidi su Fiat Uno Turbo, Nicola Randon e Marco Stragliotto con le Fiat Ritmo 130, mentre Curzio Zanini piloterà una Peugeot 205 Gti.

La 14^ edizione del Rally Storico Campagnolo scatterà alle 15.01 di venerdì, da Viale Roma a Vicenza. Il primo impegno con il cronometro, Ignago, è previsto alle 15.35 al quale seguiranno i due passaggi su Valle del Pasubio, quindi la ripetizione di Ignago alle 22 chiuderà la prima giornata di gara.

Sabato, dalle 8.31 sono previste le restanti sei frazioni cronometrate su: "Muzzolon", "Pedescala", "Posina" e "Passo Xomo" l'arrivo è atteso in Piazza Marconi ad Isola Vicentina, alle 18.30.

Il tracciato misura 436,88 chilometri, di cui 132,58 chilometri delle dieci Prove Speciali, interessando i comuni di Schio, Cornedo Vicentino, Valli del Pasubio, Valdastico, Monte di Malo e Posina. (Enzo Branda)