18/07/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

JURGEN SCHMARL (HONDA CIVIC) CHIUDE CON LA VITTORIA IL TERZO ROUND DEL TCR ITALY

Misano.Dopo un concentrato di spettacolo ed emozioni, che ha addirittura costretto a due partenze dopo i contatti multipli del primo giro, l’austriaco Jürgen Schmarl vince la seconda gara valevole per il terzo round stagionale del TCR Italy corsosi a Misano.
Un successo, quello del pilota della Honda di Target Competition, che matura dopo una bagarre appassionante nelle posizioni di testa ed una rincorsa finale alla Cupra di Andrea Larini terminata in realtà solo dopo la bandiera a scacchi.

Il toscano di Pit Lane Competizioni, primo sul traguardo, è infatti costretto a retrocedere 15esimo dopo la penalizzazione di 25 secondi comminata per la procedura di partenza dietro la Safety Car.
Luigi Ferrara, partito ottavo per la griglia invertita nelle prime otto posizioni d’arrivo di gara 1, rimonta così fino al secondo posto, mentre nella scia della Alfa Romeo Giulietta by Romeo Ferraris di V-Action, Max Mugelli conquista il primo podio stagionale sulla Civic FK7 di MM Motorsport con la quale sigla anche il secondo giro più veloce della gara.
Sfiora invece il podio Lorenzo Nicoli, sulla Civic FK2 di MM Motorsport, con la quale nel finale riesce ad avere la meglio su Edoardo Cappello, sorprendente al debutto sulla Giulietta by Romeo Ferraris schierata dalla Otto Motorsport.

Alle loro spalle si disegna invece il podio del Trofeo Nazionale DSG dove Giuseppe Montalbano sigla un bis strepitoso al suo ritorno in pista e precede sul traguardo il capoclassifica Giovanni Altoè (Audi Pit Lane) e Matteo Bergonzini. Il pilota emiliano, dal canto suo, sulla seconda Cupra di BF Motorsport, aveva anche lottato per il primato di categoria oltre ad essersi portato in testa dopo la prima partenza neutralizzata dalla bandiera rossa e dal successivo start dietro la Safety Car.

Gli episodi delle prime curve, con l’uscita di scena di ben otto concorrenti, determinano infatti il doppio start che comunque non spegne la carica agonistica di uno schieramento sempre ai ferri corti.
Ne sa qualcosa il campione in carica Nicola Baldan che, costretto a partire dal fondo dello schieramento per il ritiro sofferto in gara 1 sulla Hyundai i30 N della Pit Lane, riesce a terminare nono, con tanto di giro più veloce e di sorpasso all’ultima tornata sul rivale vicecampione Eric Scalvini, sulla stessa vettura schierata però dal BRC Racing Team.


Sfiora la Top-10 invece Cosimo Papi, sulla Cupra DSG di BD Racing, davanti a Federico Paolino sull’altra Hyundai della squadra piemontese, mentre, con tempi sul giro inferiori al loro stesso passo in qualifica,  Walter Margelli, 13esimo, vede finalmente le posizioni alte di classifica in continua crescita sulla Civic di Nannini Racing e Daniele Cappellari, 14esimo, completa un weekend prezioso al rientro tricolore ed alla prima uscita sulla Volkswagen Golf GTI sempre seguita in proprio nei colori CRC.
LA CRONACA DI GARA 2:

Al primo start, la gara dura solo un giro. Larini, Pellegrini, Scalvini e Kralev sono i più efficaci al via e si lanciano in testa davanti a Greco, Schmarl, Ferrara e Nicoli, ottavo. Poi Mugelli, Bettera e Bergonzini, primo tra le DSG davanti a Montalbano e Tagliente. Ma la gara dura solo pochi istanti perché in due distinti incidenti restano ferme in traiettoria ben otto vetture. Inizialmente le Audi di Bettera e Dionisio ed ancora Rodrigues e Thellung entrano in contatto, ma nelle posizioni che chiudono il gruppo Argenti, va in testacoda, la Peugeot 308 di Bernazzani deve fermarsi e Nardilli non può far nulla per evitarli finendo addirittura per capottarsi. Poco dopo deve fermarsi ai box anche Gagliano.

Tanti i danni alle vetture, ma nessuna conseguenza per i piloti che però non possono schierarsi al via della gara che riparte con nuova procedura sullo schieramento originario. Il nuovo start è dietro la Safety Car dove Kralev riesce subito a sorprendere Scalvini per il quarto posto, alle spalle di Larini, Pellegrini e Schmarl. Alle loro spalle Ferrara è scatenato è già nel primo giro riesce a superare Greco ed attaccare Scalvini.

Sono subito scintille perché il bresciano di BRC finisce in testacoda e perde posizioni, Larini in testa, tiene compatto il gruppo con Schmarl, Kralev, alle prese con Pellegrini, poi Ferrara quinto davanti a Mugelli, Greco ed il sorprendente Cappello alla sua seconda gara sulla Giulietta. Per il terzo posto è lotta ai ferri corti con Pellegrini che prova di forza sull’Audi di Kralev che riesce a riprendere alle spalle di Ferrara che nel frattempo sale così al terzo posto.

Il bulgaro però accusa poco dopo i danni sulla vettura e deve dare strada a Mugelli, Cappello, Nicoli e Montalbano, primo tra le DSG con il settimo posto assoluto. In testa alla gara Ferrara riesce ad avere la meglio su Schmarl ed a portarsi alla caccia del battistrada Larini. Le emozioni sono continue perché se la direzione gara infligge 25 secondi di penalizzazione a Larini per la provedura di partenza, Schmarl riprende il secondo posto su Ferrara che nel frattempo si ritrova in scia uno scatenato Mugelli.

Alle loro spalle sono invece Cappello ed i primi tre di DSG Montlbano, Altoè e Bergonzini con Scalvini risalito decimo. Il finale è incandescente con Larini davanti a Schmarl, Ferrara, Mugelli e Nicoli davanti a Cappello che nel frattempo aveva dovuto cedere il quinto posto al romano di MM Motorsport.

Sotto la bandiera a scacchi Larini è davanti a tutti, ma la penalizzazione consegna la vittoria a Schmarl, davanti a Ferrara, Mugelli, Nicoli e Cappello, mentre Montalbano, sesto assoluto, è primo di DSG davanti ad Alotè e Bergonzini. Nono assoluto ed autore del giro più veloce in una rimonta dall’ultima posizione in griglia, è Nicola Baldan davanti a Scalvini. A seguire Papi, Paolino, Margelli e Cappellari, 14esimo davanti a Larini, così 15esimo d’ufficio, Nespoli, Gros, Wimmeri, Greco, Benninger e Tagliente.(Pier.Can.)

LE CLASSIFICHE DI CAMPIONATO

Campionato Italiano Conduttori:

Luigi Ferrara (Alfa Romeo Giulietta TCR V-Action Racing Team), 77,0

 2) Salvatore Tavano (Cupra TCR TCR Seat Motorsport Italia), 53,5;

3) Matteo Greco (Cupra TCR TCR Seat Motorsport Italia), 53,5

  4) Jürgen Schmarl (Honda Civic TCR Target Competition), 40,0;

  5) Andrea Larini (Cupra TCR TCR Pit Lane Competizioni), 35,0;

6) Nicola Baldan (Hyundai i30 N TCR Pit Lane Competizioni), 34,5;

7) Enrico Bettera (Audi RS3 LMS TCR Pit Lane Competizioni), 28,0;

8) Eric Scalvini (Hyundai i30 N TCR BRC Racing Team), 27,0

 9) José Rodrigues (Honda Civic TCR Target Competition), 24,0

  10) Max Mugelli (Honda Civic TCR MM Motorsport), 23,0.

Trofeo Nazionale DSG Conduttori.:

1) G. Altoè (Audi RS3 Lms Pit Lane Competizioni), 89; 2) Dionisio (Audi Pit Lane), 46; 3) Bergonzini (Cupra BF Motorsport), 42; 4) Montalbano (Cupra – BF Motorsport), 40; 5) Savoia (Cupra - Gretaracing), 39.

Trofeo Nazionale Under 25:

1)G. Altoè (Audi RS3 Lms Pit Lane), 84; 2) Scalvini (Hyundai i30 N BRC Racing Team), 82,5; 3) Papi (Cupra BD Racing), 39.

Trofeo Nazionale AM:

1) Dionisio (Audi Pit Lane), 60; 2) Gross (Cupra TCR Wimmer Werk Motorsport), 45,5; 3) Bergonzini (Cupra TCR BF Motorsport), 44; 4) Benninger (Cupra TCR Wimmer Werk Motorsport), 44.