16/08/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

WTCR: PRIMA VITTORIA DELLA VOLKSWAGEN POI IN GARA 3 DOPPIETTA HYUNDAI

Budapest. Con le due gare della domenica si è concluso il secondo round del WTCR in terra ungherese. Al mattino vittoria della Volkswagen mentre nella terza gara c’è da registrare una grande prova di forza della Hyundai con un promo e secondo posto.

Le Hyundai stanno prepotentemente prendendo possesso del campionato , dopo due round sono , sulla base dei risultati, le berline migliori del gruppo e soprattutto hanno messo in mostra una buona affidabilità e soprattutto una grande velocità che, in gare abbastanza brevi come quelle del turismo, è un’arma vincente. Stanno invece stentando le Honda Civic che lo scorso anno avevano dato l’impressione di un’armata vincente visti i successi nel campionato maggiore e soprattutto nei vari campionati nazionali in ogni Paese del globo terrestre : oltre una ventina di titoli e soprattutto diverse decine di berline vendute e preparate in Italia.

Era molto attesa la Cupra sull’onda del lancio internazionale e vista la brillante stagione disputata lo scorso anno. Le Cupra non sono andate oltre modesti piazzamenti a metà classifica: problemi di gioventù o il meglio della vettura è stato già raggiunto da tempo?

Esame al momento non superato dall’Audi: da piloti come Vernay e Frederic Vervisch ci si aspetta molto di più e molto di più ci si aspetta da una Casa come l’Audi che certo non è a digiuno di corse ed ha un reparto motorsport spesso portato a modello.

Ancora una volta rimandata, ma le prove d’esame di riparazione oramai non si contano più, la Giulietta Alfa Romeo della Romeo Ferraris che molto si aspettava da piloti super esperti come Morbidelli e Giovanardi che hanno calcato, con alterne fortune, le piste di tutto il mondo. L’anno passato forse la coppia dei piloti era più giovane e avventurosa e c’era scusanti che non ci sono con Morbidelli e Giovanardi, forse si è esagerato in senso opposto o forse manca loro entusiasmo…non sempre la “maggiore età” paga.

Huff e Tarquini si sono divisi le vittorie delle due gare della domenica nell’appuntamento ungherese del WTRC. In gara 2 Rob Huff ha sfruttato l’occasione di partire dalla pole position della griglia invertita tenendo la sua Volkswagen Golf GTI davanti a Dániel Nagy alla curva 1, con la wildcard della M1RA che le ha provate tutte pur di piazzare la sua Hyundai i30 N TCR davanti all’inglese. Con il successo di Huff sulla Golf sale a quattro la varietà di marchi diversi vincenti quest’anno, a sottolineare la competitività del WTCR.

Quella di Huff per la Volkswagen è una vittoria che sarà negli albi d’oro della Casa di Wolfsburg: è la prima vittoria nel campionato turismo.

Yvan Muller, partito quinto con la sua Hyundai, completa il podio davanti a Gabriele Tarquini (BRC Racing Team, i30 N TCR). Il pilota italiano è partito molto bene e ha superato al giro 5 la Honda di James Thompson (Münnich Motorsport), con quest’ultimo che si è poi dovuto arrendere per un problema tecnico. Tarquini è poi salito al quarto posto a due passaggi dalla fine mettendosi alle spalle anche la Civic di Esteban Guerrieri.

Il pilota italiano si è poi rifatto in gara 3 battendo il suo compagno di squadra Norbert Michelisz, partito dalla pole. Alle loro spalle Yvan Muller ha invece passato le Honda della Münnich Motorsport e ha completato il podio davanti ad Yann Ehrlacher, già primo in gara 1. Esteban Guerrieri era terzo, ma è scattato in anticipo con la sua Civic Type R TCR ed è stato punito con un drive-through che lo ha fatto scivolare indietro.

Al giro 3 la safety car è dovuta entrare in pista per consentire la rimozione dell’Audi della Comtoyou Racing di Aurélien Panis, venuto a contatto con Zsolt Zsabó e Tom Coronel. La gara è ripresa al quinto giro, poi uno scroscio di pioggia a quello successivo ha costretto la direzione gara a sospendere tutto.

L’acqua ha smesso rapidamente di cadere e la gara è ripresa dietro alla safety, con Tarquini e Michelisz saldamente al comando ed è stato l’abruzzese a vincere per la terza volta nel 2018 portando a 36 i punti di vantaggio in classifica su Ehrlacher.(Lazlo Pusak)

ORDINE DI ARRIVO GARA 3 DOPO 17 GIRI:

1.Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC – in 46'49"549
2. Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 0"354
3. Yvan Muller (Hyundai) - YMR - 3"691
4. Yann Ehrlacher (Honda) - Munnich - 4"092
5. Benjamin Lessennes (Honda) - Boutsen Ginion - 7"675
6. Dániel Nagy (Hyundai) - M1RA - 8"198
7. James Thompson (Honda) - Munnich - 9"631
8. Rob Huff (Volkswagen) - Loeb - 12"386
9. Thed Björk (Hyundai) - YMR - 12"999
10. Jean-Karl Vernay (Audi) - Leopard - 17"645
11. Norbert Nagy (Cupra) - Zengo - 21"297
12. Pepe Oriola (Cupra) - Campos - 22"260
13. Gordon Shedden (Audi) - Leopard - 22"769
14. Aurélien Comte (Peugeot) - DG Sport - 23"439
15. Gianni Morbidelli (Alfa Romeo) - Mulsanne - 24"124
16. Mat'o Homola (Peugeot) - DG Sport - 25"404
17. Attila Tassi (Honda) - KCMG - 25"688
18. Nathanaël Berthon (Audi) - Comtoyou - 26"354
19. Mehdi Bennani (Volkswagen) - Loeb - 27"077
20. Frédéric Vervisch (Audi) - Comtoyou - 27"869
21. Denis Dupont (Audi) - Comtoyou - 35"408
22. Esteban Guerrieri (Honda) - Munnich - 1'53"270

Classifica campionato
1.Tarquini 118 punti; 2.Ehrlacher 82; 3.Muller 77; 4.Michelisz 75; 5.Huff 65; 6.Bjork 57; 7.Vernay 49; 8.Guerrieri 47; 9.Bennani 40; 10.Nagy 36

ORDINE DI ARRIVO GARA 2 – 12 Giri:

1. Rob Huff (Volkswagen) - Loeb - 23'11"390
2. Daniel Nagy (Hyundai) - M1RA - 0"562
3. Yvan
Muller (Hyundai) - YMR - 2"200
4. Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC - 2"659
5. Esteban Guerrieri (Honda) - Münnich - 3"050
6. Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 4"252
7. Mehdi Bennani (Volkswagen) - Loeb - 8"529
8. Benjamin Lessennes (Honda) - Boutsen Ginion - 13"453
9. Zsolt David Szabo (Cupra) - Zengo - 19"460
10. Jean - Karl Vernay (Audi) - Leopard - 19"896
11. Norbert Nagy (Cupra) - Zengo - 22"475
12. Thed Björk (Hyundai) - YMR - 22"855
13. John Filippi (Cupra) - Campos - 24"007
14. Nathanaël Berthon (Audi) - Comtoyou - 24"480
15. Gordon Shedden (Audi) - Leopard - 25"916
16. Aurélien Comte (Peugeot) - DG Sport - 26"732
17. Frédéric Vervisch (Audi) - Comtoyou - 27"115
18.
Attila Tassi (Honda) - KCMG - 27"832
19. Fabrizio Giovanardi (Alfa Romeo) - Mulsanne - 30"037
20.
Tom Coronel (Honda) - Boutsen Ginion - 31"597
21. Aurélien Panis (Audi) - Comtoyou - 33"739
22. Denis Dupont (Audi) - Comtoyou - 39"207
23.
Gianni Morbidelli (Alfa Romeo) - Mulsanne - 44"396