26/05/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
 

AL VIA IL NUOVO WTCR: PRIMA DOPPIETTA HYUNDAI E VITTORIA DI TARQUINI

Marrakech. Vittoria storica per Gabriele Tarquini che si è aggiudicato a Marrakech la prima gara della nuova serie WTCR . Una vittoria di forza che ha permesso all’italiano di essere il primo a iscrivere il suo nome, all’età di cinquantasei anni, sul nuovo albo d’oro della serie ideata da Marcello Lotti ed ora gestita da Eurosport in base a un accordo pluriennale di cui la FIA è garante. Lotti però non è uscito di scena dai campionati turismo infatti è il promoter del pari campionato europeo

Partendo dal secondo posto in griglia, Tarquini, inossidabile” Cinghio” come oramai lo chiamano da anni gli amici nel paddock, ha passato il poleman Björk prendendo subito un vantaggio ma nel gruppo c'era un contatto alla curva 1 che portava ad un rimescolamento delle posizioni.

Tra i piloti coinvolti Aurélien Panis e Frédéric Vervisch, la cui Audi RS 3 LMS si è scontrata con la Honda di James Thompson. Vervisch rimaneva bloccato sul circuito, e dopo un giro dietro la safety car la gara era interrotta per consentire il recupero dell’Audi. Al riavvio Tarquini andava nuovamente in fuga per mantenere il vantaggio su Björk, Rob Huff e Jean-Karl Vernay ma dopo un solo giro rientrava la safety car dopo che Nobert Michelisz, retrocesso in seconda posizione in griglia dopo il suo guasto al motore in qualifica, èerdeva la ruota anteriore sinistra della sua Hyundai i30 N del team BRC.

Alla nuova ripartenza, Tarquini manteneva la testa davanti a Björk che lo pressava fino al traguardo ma senza riuscire a superarlo sullo stretto circuito di Moulay El Hassan..Dietro i primi due, sul podio è salito Huff (Sébastien Loeb Racing) che ha preceduto Vernay (Audi Sport Leopard Lukoil Team).Quinto posto per l’idolo locale Mehdi Bennani seguito dal britannico Gordon Shedden (Audi Sport Leopard Lukoil).

Solo settimo posto per Esteban Guerrieri che ha perso terreno all'inizio con il contatto con Bennani al primo giro con il marocchino penalizzato di 10 secondi. Yann Ehrlacher, Aurélien Comte con la Peugeot 308TCR del DG Sport e John Filippi hanno completato la top 10 con il pilota del Campos Racing sempre pressato dal quattro volte campione del mondo Yvan Muller che ha quasi rischiato di tamponarlo evitando per fortuna il contatto e chiudendo all’undicesimo posto.

Dopo le qualifich non certo esaltanti, la gara non é stata meglio per le due Alfa Romeo del Team Mulsanne. ma preparate dalla Romeo Ferraris, che hanno lottato nelle retrovie con Giovanardi 19° al traguardo davanti al compagno di squadra Gianni Morbidelli. Evidentemente l’età non pesa dolo per Tarquini.(P.d.B.)

ORDINE DI ARRIVO GARA 1:

1.Gabriele Tarquini (Hyundai i30) - BRC - 20 giri
2. Thed Bjork (Hyundai i30) - MRacing - 0"729
3. Rob Huff (VW Golf) - Loeb - 2"823
4. Jean-Karl Vernay (Audi RS3 LMS) - Leopard - 4"593
5. Mehdi Bennani (VW Golf) - Loeb - 5"025
6. Gordon Shedden (Audi RS3 LMS) - Leopard - 5"702
7. Esteban Guerrieri (Honda Civic) - Munnich - 10"136
8. Yann Ehrlacher (Honda Civic) - Munnich - 10"784
9. Aurelien Comte (Peugeot 308) - DG Sport - 11"577
10. John Filippi (Seat Cupra) - Campos - 15"026
11. Yvan Muller (Hyundai i30) - MRacing - 16"556
12. Nathanael Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 17"046
13. Denis Dupont (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 18"039
14. James Thompson (Honda Civic) - Munnich - 18"537
15. Benjamin Lessennes (Honda Civic) - Boutsen Ginion - 22"213
16. Norbert Nagy (Seat Cupra) - Zengo - 25"096
17. Zsolt Szabo (Seat Cupra) - Zengo - 53"666
18. Pepe Oriola (Seat Cupra) - Campos - 1 giro
19. Fabrizio Giovanardi (Alfa Giulietta) - Mulsanne - 1 giro
20. Gianni Morbidelli (Alfa Giulietta) - Mulsanne - 2 giri
21. Tom Coronel (Honda Civic) - Boutsen Ginion - 5 giri