18/01/2018
Direttore: Franco Liistro

Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati

Euautopezzi
 

IL PUBBLICO HA DECRETATO IL SUCCESSO DEL 3° FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL MIRTO

 

Olbia.  Il borgo dei pescatori al Parco Mario Cervo, il entro di Olbia, il mare: grazie al 3° Festival Internazionale del Mirto  la città è stata coinvolta in più luoghi da tanti  eventi che hanno caratterizzato questa edizione per la prima volta a Olbia.

 Il  Parco  Mario Cervo, polmone verde nel cuore della città, rimesso a nuovo dall'opera di riordino e pulizia operata dal Comune in funzione della presenza di Mirtò, ha ospitato migliaia di persone, non solo turisti, ma cittadini olbiesi che hanno potuto rivivere una zona in parte dimenticata.  Il Borgo dei pescatori, ha ospitato la prima regata notturna “Vogando sotto le stelle”. Le tradizioni del mare rappresentate da quattro imbarcazioni remiere: i chiattini, i lancioni, i gozzi e gli oristanesi is Fassonis  che  hanno gareggiato fra gli applausi del pubblico.    Ad organizzare lo spettacolo in mare : La Lega navale, la Marina di Tilibbas, la Marina della Sacra Famiglia e il Comune di Olbia.

Il borgo dei pescatori  ha accolto anche Shardana by Night, un ritorno dopo il successo della scorsa primavera sulla spiaggia di Pittulongu, primo tentativo, perfettamente riuscito, di valorizzazione e promozione della città attraverso i suoi quartieri.

"La Baia del gusto" è stata  apprezzata sia dagli operatori che  l'hanno animata, visto l'importante riscontro di pubblico, sia dal pubblico che ha apprezzato la buona cucina e l'offerta tradizionale a base di prodotti tipici e originali: dalla Street Fodd agli arrostitori di Orgosolo.

 Piazza Regina Margherita ha ospitato l'evento di moda organizzato da  Nacre’ Events. Il pubblico ha accolto con entusiasmo i modelli in passerella , frutto del lavoro artigiano di stilisti di spessore e qualità . Giovanna Casiddu, di Ittiri ha  proposto   abiti raffinati  capaci di raccontare molto dell'origine dell'artista che li ha creati.  Orbace, lino, damascati e materiali nuovi insieme per sbalordire il pubblico. In passerella anche il corallo rosso di Alghero, de La Corallina . Collane, orecchini, camei e filigrane  che in passerella hanno  raccolto applausi a scena aperta.

Gli abiti di Carlo Petromilli, stilista  di riferimento per la moda  non solo regionale, sono stati un tuffo nella bellezza e nella leggerezza. Organza impalpabile , voile di seta, paillettes e farfalle per trasformare la passerella posta nel centro della piazza in un'oasi de bellezza.  Ha chiuso la sfilata Giovanna Campisi,  siciliana di nascita ma olbiese di adozione,  autrice di un mix perfetto fra tradizione , ricordi, creatività e ricerca, che sulle modelle diventano raffinata sensualità .

 Il pubblico ha vissuto la serata fino all'ultima battuta, apprezzando anche la presenza della Beer Band.

Il Borgo dei Pescatori ha accolto le Launeddas di Roberto Tangianu, la voce dei cori  Sos Astore di Golfo Aranci  la musica raffinata del gruppo  S'ard di Mauro Mibelli, il concerto di  Claudia Aru, la tradizione del  Coro S'Ena Frisca di Putifigari,  del Coro de Iddanoa di Villanova Monteleone e del  Gruppo Folk Olbiese .

Il centro della città, letteralmente invaso dal pubblico ha applaudito la splendida voce di SeneS, i Dj set  e il Concerto David Short Tribute e l'attesa presenza dei Mamuthones e Issohadores dell'Associazione Atzei di Mamoiada.  Si è ripetuto il rito della vestizione dei Mamuthones sotto gli occhi del pubblico letteralmente  affascinato dalla ritualità di ogni gesto .

Apprezzato l'appuntamento pomeridiano di Venerdì 18 agosto, con il convegno dedicato al Mirto " Il mirto: un'industria verde?"  a cura del Dipnet Università  di Sassari , il convegno ha visto protagonista la pianta mediterranea, grazie alla presenza del Professor Mulas e del Professor Pintore dell'Università di Sassari.

 Nessuna attesa è stata tradita, la perfetta sintonia di intenti che ha coinvolto sia le istituzioni che Mirtò ha saputo offrire una nuova visione dell'estate in città, coinvolgendo gli artigiani, i produttori, i turisti, i residenti, i bambini. Per tutti attenzione e spazio in perfetto stile Mirtò.(Maria Pintore)