22/06/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

RALLY D’ITALIA: NEUVILLE (HYUNDAI) VINCE IL BRACCIO DI FERRO CON OGIER (FORD FIESTA)

Alghero. L’impensabile è accaduto: la battaglia di nervi sugli ultimi 42 chilometri di prove speciali è stata vinta da Thierry Neuville che ha “abbattuto” Ogier per soli 7 decimi. Sono stati 42 chilometri all’insegna della massima tensione e così il Rally d’Italia ha avuto un finale che neppure il miglior regista di film gialli avrebbe potuto immaginare. Onore a Neuville che una volta tanto ha saputo mantenere i nervi saldi e non ha commesso errori o sbavature, un Neuville dalla guida così pulita e decisa non si è forse mai visto.

Ora il belga guida la classifica con ventisette punti di vantaggio su Ogier, un bel tesoretto da amministrare con intelligenza dal momento che il francese non è certo il tipo da arrendersi anche se in Sardegna si è fidato troppo delle sue capacità quando sulla prova di Tula ha rifilato una mazzata a tutti facendo la selezione decisiva, selezione in cui però, guarda caso, il solo pilota della Hyundai è riuscito a limitare i danni.

Già subito nel dopo gara Ogier ha dissotterrato l’ascia di guerra: “Ho cercato di dare il mio massimo anche oggi, ma ho sempre perso qualche decimo qua e là. L'ultima speciale è stata molto dura e ho commesso due errori che mi sono costati alcuni decimi. Abbiamo perso la battaglia ma non abbiamo perso la guerra. Mancano ancora seigare , non è il momento di farsi prendere dal panico. Thierry è stato fortunato con la pioggia, ma ci sarà un altro rally in cui perderà tempo per dover essere il primo sulla strada…”.

Il Rally sulle strade della Sardegna è stata una battaglia straordinaria, durata 4 giorni, 313 chilometri cronometrati e 1386 chilometri totali, terminata proprio nell’ultima prova speciale: un’’edizione 2018 del Rally Italia Sardegna che rimarrà nella storia come una della più belle e avvincenti del rallismo internazionale.

A conti fatti è stato un vero braccio di ferro tra gli unici due veri piloti di rally cui si è aggiunto anche qualche momento di di suspense come l’errore del navigatore di Ogier, Julien Ingrassia, che alla fine della penultima prova ha lasciato sul tavolo dei cronometristi la tabella di marcia, a lui riportata poi da un altro concorrente. Il successo di Neuville è stata resa ancora più pesante, a livello di punteggio acquisito, dalla vittoria del belga nella finale Power Stage, che gli ha consentito l’acquisizione di un ulteriore bottino di punti, 30 in totale compresi quelli per il successo.

A tutti gli altri non è rimasto che inseguire… al terzo posto infatti Lappi  ha concluso a 1’56”3 dalla vetta, guadagnando comunque il podio. La top-5 è stata completata da Hayden Paddon quarto a 2’55”2 e Mads Ostberg , su Citroen C3 Wrc, quinti a 3’10”9.
Per quanto riguarda la classifica della WRC2, Jan Kopecký con la Škoda Fabia R5 ha conquistato una vittoria importante terminando con oltre 3’ di vantaggio sull’altra Skoda del norvegese Veiby mentre Fabio Andolfi, con la Skoda Fabia R5, ha colto un quarto posto di assoluto valore.

Il pilota di Savona, in coppia con Simone Scattolin, a lungo in lotta per il podio, è stato rallentato sabato da una leggera toccata che purtroppo lo ha tolto dai giochi. In WRC3 Jean-Baptiste Franceschi ha vinto sulla Ford Fiesta R2 precedendo al traguardo Taisko Lario (Peugeot 208 R2). Primo tra i piloti sardi si è piazzato Giuseppe Dettori, con Carlo Pisano su Skoda Fabia.

Da sottolineare la prova di Andrea Nori e Sofia Peruzzi su Abarth 500 RT3, che hanno terminato la gara da loro corsa come premio per essere risultati vincitori dell'ACI Rally Italia Talent. (Efisio Lai)

CLASSIFICA FINALE:

1.Neuville-Gilsoul (Hyundai i20 WRC) – 3 h.29’18”7
2. Ogier-Ingrassia (Ford Fiesta WRC) +0”7
3. Lappi-Ferm (Toyota Yaris WRC) +1’56”3
4. Paddon-Marshall (Hyundai i20 WRC) +2’55”2
5. Ostberg-Eriksen (Citroen C3 WRC) +3’10”9
6. Breen-Martin (Citroen C3 WRC) +4’31”7
7. Latvala-Anttila (Toyota Yaris WRC) +11’22”1
8. Tanak-Jarveoja (Toyota Yaris WRC) +12’38”2
9. Kopecky-Dresler (Skoda Fabia R5) +13’14”6
10. Suninen-Markkula (Ford Fiesta WRC) +15’30”4

Classifica piloti
1. Neuville 149; 2. Ogier 122; 3. Tanak 79; 4. Lappi 70; 5. Sordo 60; 6. Mikkelsen 54; 7. Evans 46; 8. Meeke 43; 9. Latvala 37; 10. Breen 34.

Classifica Costruttori
1.
Hyundai WRT 212; 2. M-Sport Ford WRT 184; 3. Toyota Gazoo Racing 161; 4. Citroen Abu Dhabi 129.