19/02/2018
Direttore: Franco Liistro

Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati

Euautopezzi
 

ABARTH RACING: FABBRICA DI SOGNI O DI ILLUSIONI?

Torino. Nei giorni scorsi presso le Officine Abarth  si è svolta la premiazione dei vari Trofei 2017 alla presenza di Luca Napolitano, responsabile EMEA  dei brand Fiat e Abarth e di Fabio Migliavacca, responsabile del dipartimento Racing dello “ Scorpione” che  hanno consegnato l’Abarth 124 spider al vincitore del Trofeo Abarth 124 rally, Fabrizio Andolfi Junior, il premio in denaro al primo Under 23, Andrea Modanesi, e al vincitore del Trofeo Abarth in pista, Cosimo Barberini. Nell’occasione sono stati presentati i programmi sportivi per il 2018. Ovviamente solo tramite una newsletter come per minimizzare....

Una cerimonia, per pochi intimi,  in tono molto minore se paragonata a quella che una volta era una vera “festa del volante” con in passerella il fior fiore dell’automobilismo sportivo mondiale ma specchio realistico di quella che è oggi l’attività dell’Abarth sotto il cui ombrello si muove alla grande il dipartimento Heritage sotto la guida di Roberto Giolito, un asset di FCA molto sottovalutato  e relegato a 0ccuparsi di auto storiche mentre solo per il suo sapere meriterebbe ben altro.

Il dipartimento Racing invece annaspa in un continuo mutare del vertice dopo la rifondazione ad opera di Luca De Meo… da Claudio Berro  a Paolo Gagliardo, a Mario Albisi per non parlare dei  tanti che hanno lasciato  come ad esempio  Gariolo, Simoni, Zampieri.  Oggi l’Abarth punta molto su iniziative promozionali che poi non sostiene a dovere come ad esempio il Rally Italia Talent organizzato con ACI Sport cui quest’anno sono iscritti oltre 7.000  aspiranti piloti. Quella del 2017 è la quarta edizione  ma i migliori sono ogni anno lasciati…al loro destino.

Per il 2018 si punta molto sui rally tentando anche un cammino più internazionale. La 124  Rally però non sembra proprio essere un’arma  convincente  sia per prestazioni sia per il prezzo che di promozionale  non ha proprio nulla.  Vincere nella classe R-GT non è certo grande gloria. I vari Andolfi, Nucita ecc.  prima o dopo hanno pagato o pagano i limiti della vettura che è una due ruote motrici. Neppure è grande merito il quarto tempo in una prova del recente Montecarlo di Nucita: partire dopo i primi quindici che hanno ripulito la strada dalla neve è ben altra cosa che partire tra i top five. Lo stesso Trofeo varato, in Italia,  lo scorso anno è stato un mezzo disastro  con la sola partecipazione costante di Andolfi, praticamente solo….nel deserto.

Ora l’Abarth  ci riprova, un’immagine internazionale, non certo i premi non stratosferici, potrebbero  smuovere un buon numero di piloti sempre che la comunicazione, fino ad praticamente nulla,  funzioni.

Invece l’Abarth insiste  sulla pista con le 500 Assetto Corse e 695  Evoluzione che hanno ben 215 cv. Ad essere generosi è un bel giochetto  per i giovani che alla strada preferiscono la pista.Il numero di iscritti però non è mai stato eclatante né, come per l’Italia Rally Talent, ha portato alla ribalta piloti che hanno intrapreso una carriera da professionisti come accadeva una volta con le monoposto della Formula Abarth.

Ma vediamo nel dettaglio……..

Abarth 124 rally Selenia International Challenge

Dopo l’esordio nella stagione 2017, che ha fruttato all’Abarth 124 rally i titoli italiano e spagnolo di categoria, l’Abarth ha deciso di destinare  premi e incentivi alla partecipazione ai campionati internazionali, attraverso l’Abarth 124 rally International Challenge.

I premi più cospicui sono destinati a chi partecipa al campionato FIA R-GT CUP: al vincitore finale è destinata un esemplare dell’Abarth 124 rally, mentre al primo di categoria in ognuna delle 4 gare rimanenti andranno 15.000 Euro, 12.000 Euro al secondo, 10.000 Euro al terzo. Il contributo di partecipazione è di 3.000 Euro. Il campionato FIA R-GT CUP si articola su 5 appuntamenti uno dei quali, il Rallye di Montecarlo, si è già disputato. Restano da correre il Rally Tour de Corse (dal 6 all’8 aprile), il Rally Roma Capitale (dal 20 al 22 luglio), il Rally Barum rep Ceca (dal 24 al 26 agosto) e il Rallye International du Valais, in Svizzera (18-20 ottobre).

Premi anche nell’ambito del Campionato Europeo, il cui calendario si articola su otto appuntamenti: Rally delle Azzorre (22-24 marzo), delle Isole Canarie (3-5 maggio), Acropolis in Grecia (1-3 giugno), Rally di Cipro (15-17 giugno), Rally di Roma Capitale (20-22 luglio), Rally Barum Rep. Ceca (24-26 agosto), Rally di Polonia (21-23 settembre) e Rally Liepaja in Lettonia (12-14 ottobre). La vittoria finale della classe R-GT vale 25.000 euro, ai quali si aggiungono i premi gara (fino a una massimo di 5) di 12.000 Euro al primo, 9.000 al secondo, 7.000 al terzo. Il contributo di partecipazione è di 2.000 Euro.

Premi anche per chi prende parte ai rispettivi campionati nazionali in ambito EU, concorrendo al successo nella classe R-GT. Al vincitore andrà un premio finale di 20.000 Euro, mentre il successo in ogni gara vale un premio di 10.000 Euro, 7.000 euro per il secondo posto, 5.000 per il terzo. Il contributo di partecipazione è di 1.000 Euro.

In pista il Trofeo Abarth Selenia

Il Trofeo Abarth Selenia vive quest’anno la sua decima edizione. Un vero record, considerato che la vettura utilizzata sin dall’inizio è l’Abarth 500 Assetto Corse, alla quale si è aggiunta nel 2012 l’Abarth 695 Assetto Corse, oggetto di un’evoluzione nel 2014, che ne ha portato la potenza a 215 CV.

Al Trofeo Abarth 2018 è possibile partecipare sia con l’Abarth 695 Assetto Corse Evoluzione, sia con l’Abarth 500 Assetto Corse, con classifiche separate. Particolare attenzione viene dedicata ai giovani tra i 16 e i 18 anni, Il calendario del Trofeo Abarth Selenia si articola su 7 gare, 2 delle quali all’estero. Questo campionato ha assunto da sempre una connotazione internazionale, con la partecipazione di molti piloti stranieri. Per fare un esempio, la stagione 2017 si è chiusa con il successo dell’italiano Cosimo Barberini, davanti al finlandese Juuso Pajuranta, allo svedese Joakim Darbom e al turco Kuzey Eroldu.

Al primo andranno 45.000 Euro, al secondo 15.000 e al terzo 7.500. Il primo classificato della categoria Abarth 500 Assetto Corse riceverà 10.000 Euro, 5000 Euro il secondo, 2500 il terzo. I premi gara sono destinati ai primi cinque classificati di ogni corsa (14 gare in 7 appuntamenti): nello specifico al vincitore assoluto andranno 2000 Euro, 800 Euro al primo della categoria Abarth 500 Assetto Corse, 500 euro al primo Gentleman, 500 Euro alla prima Lady.

Il calendario del Trofeo Abarth Selenia si articola su 7 appuntamenti di due gare ciascuna, due dei quali si svolgono all’estero. La prima gara si disputa il 29 aprile sul circuito di Imola; seguiranno gli appuntamenti del Paul Ricard (Francia) il 13 maggio, del Red Bull Ring (Austria) il 10 giugno, Misano (24 giugno), Mugello (15 luglio), Vallelunga (16 settembre), Monza (7 ottobre).

Novità nella formula di ciascun evento con l’introduzione di un turno di qualificazione di “superpole” riservata ai migliori 8 della sessione regolare.

Nel costo di iscrizione al campionato (7500 Euro con l'Abarth 695 Assetto Corse Evoluzione, 5500 con l’Abarth 500 Assetto Corse) sono compresi numerosi servizi: l'allestimento del paddock, un servizio di assistenza ricambi sul campo di gara con la presenza di tecnici che forniscono la loro consulenza, un'area hospitality con catering dedicato agli equipaggi e ai loro team. Gli Under 18 e le Lady che partecipano al campionato non pagano alcuna iscrizione.

Formula 4 In Italia, Germania, Nord Europa e Medio Oriente

Visto il grande successo riscontrato in Italia e in Germania nelle ultime stagioni, la Casa dello Scorpione ha deciso di sostenere la quarta edizione del campionato F4 in Germania, proseguendo il suo impegno anche in quello italiano in veste di sponsor e fornitore ufficiale di motori. Il motore 1.4 Turbo T-Jet, da 160 CV, derivato da quello disponibile sulle 595 stradali e che utilizzano anche le Abarth impegnate nei Trofei Abarth, ha equipaggiato ed equipaggerà tutte le monoposto partecipanti, costruite dall'italiana Tatuus. Nelle passate stagioni sono stati più di 40 i giovanissimi piloti impegnati nella serie tedesca e oltre 30 in quella italiana. Le stesse monoposto danno vita anche a un campionato nei Paesi del Nord Europa e in Medio Oriente.(Franco Liistro)