18/07/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

DAKAR: AL-ATTIYAH VINCE E RECUPERA, PETERHANSEL NUOVO LEADER, DISASTRO MINI

 

San Juan de Marcona. Da Pisco la carovana della Dakar ha fatto tappa a San Juan di Marcona dopo 504 chilomtri con un tratto cronometrato di 296 km, la maggior parte  di sabbia.  E a San Juan il miglior tempo  lo ha fatto segnare la Toyota Hi-Lux di Al-Attiyah che in parte si è ripreso il tempo perduto  nella tappa di domenica.

Alle spalle del principe qatariota  si è lasciato alle spalle tutte e quattro le Peugeot 3008 DKR giunte quasi in carovana con Peterhansel a guidare il gruppo. Il francese è così anche balzato in testa alla classifica relegando Despres in  seconda posizione  ma Al-Attiyah  ora è terzo ed ha ridotto il suo ritardo a poco più di sette minuti.

Il pilota della Toyota è subito partito all’attacco  tallonato sempre da Sainz e Peterhansel poi però nella seconda metà della prova speciale ha fatto nettamente la differenza arrivando al traguardo con oltre quattro minuti di vantaggio su Peterhansel (4’05”) e Carlos Sainz (5’47”) mentre erano più attardati Despres e Loeb.

In queste prime tappe  la Dakar  si è delineato un duello tra Peugeot e Toyota mentre per la più che possibile accreditata per la vittoria  ovvero la MINI  già dall’inizio è stato una sofferenza. Più che di sofferenza si dovrebbe parlare di disastro: già dopo poche tappe i buggy del team X-Raid  hanno mostrato una  mancanza di affidabilità a di poco disarmante e dopo  tre tappe sembra piuttosto difficile  pensare a una Mini sul podio di Cordoba.

Oggi Mikko Hirvonen, che era settimo in classifica,  si è fermato al chilometro 113 della speciale perdendo tantissimo tempo e salvandosi grazie all’intervento del  compagno Yazeed Al Rajhi oramai  fuori classifica dopo l’incidente occorsogli la domenica. Ora in pratica tutte le chances della Mini sono nelle mani dell’argentino  Orlando Terranova in gara con una  MINI 4x4, ma già lontano dalla vetta  di oltre 35 minuti

Anche tra le due ruote non passa giornata che la classifica non conosca capovolgimenti. Joan Barreda, vincitore della seconda tappa ha pagato ben  27 minuti di ritardo,  per un’uscita di strada,uscendo persino dalla top ten. La tappa ha visto al primo posto Sam Sunderland infliggendo  pesanti distacchi ai rivali. Il pilota della KTM ha così ribaltato una classifica che domenica sera lo vedeva in settima posizione. In seconda posizione in classifica ora c’è Benavides (Honda) a 4 minuti poi  Quintanilla (Husqvarna)   a cinque minuti.  Il migliore degli italiani nella generale è sempre Alessandro Botturi, ora ventitreesimo.(Angel Ramos)

ORDINE DI ARRIVO TERZA TAPPA:

1. Nasser Al Attiyah / Matthieu Baumel, ToyotaHi-Lux, 3h.09’8”
2. Stéphane Peterhansel / Jean-Paul Cottret, Peugeot 3008 DKR Maxi, +4’5”
3. Carlos Sainz / Lucas Cruz , Peugeot 3008 DKR Maxi, +6’07”
4. Cyril Despres  / David Castera, Peugeot 3008 DKR Maxi, +7’43”
5. Sébastien Loeb  / Daniel Elena, Peugeot 3008 DKR Maxi, +8’34”
6. Giniel de Villiers / Dirk von Zitzewitz , Toyota Hi-Lux, +10’11”
7. Bernhard Ten Brinke / Michel Perin ,Toyota Hi-Lux , +18’07”
8. Martin Prokop / Jan Tomanek, Ford 4WD, +18’56”
9. Jakub Przygonski  / Tom Colsoul , Mini 4WD, +22’42”
10. Lucio Alvarez/ Robert Howie, Toyota Hi-Lux, +23’01”

CLASSIFICA DOPO TERZA TAPPA:

1,Peterhansel-Cottret (Peugeot 3008 DKR) – 3h.34’58”
2. Despres-Castera (Peugeot 3008 DKR) + 3’11”
3. Al-Attiyah-Baumel (Toyota Hi-Lux) + 7’43”
4. Loeb-Elena (Peugeot 3008 DKR) + 10’11”
5. De Villiers-Von Zitzewitz (Toyota Hi-Lux) + 11’23”
6. Sainz-Cruz (Peugeot 3008 DKR) + 14’27”
7. Ten Brinke-Perrin (Toyota Hi-Lux) + 31’18”
8. Terranova-Schulz (Mini 4x4) + 35’19”
9. Prokop-Tomanek (Ford F150 Evo) + 38’56”
10. Al-Qassimi-Panseri (Peugeot 3008 DKR) - 43’56”

Moto
1. Sam Sunderland (KTM) – 6.44’23”
2. Kevin Benavides (Honda) + 4’38”
3. Pablo Quintanilla (Husqvarna) + 5’00”
4. Toby Price (KTM) + 7’28”
5. Ricky Brabec (Honda) + 8’00”
6. Matthias Walkner (KTM) + 8’50”
7.
Adrien Van Beveren (Yamaha) + 10’37”
8. Antoine Meo (KTM) + 10’54”
9. Michael Metge (Honda) + 11’32”
10 . Franco Caimi (Yamaha) + 13’02”