16/08/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

LORENZO PEGORARO FIRMA IL BIS NEL PRIMO ROUND DELA CAMPIONATO SPORT PROTOTIPI

Monza. Al termine di una gara ancora una volta una gara piena di sorpassi e spettacolo si è conclusa a Monza la tappa inaugurale del Campionato Italiano Sport Prototipi, per la prima volta nella sua storia riservata alle Wolf GB08 Thunder motorizzate Aprilia RSV4.

E proprio come già al sabato è ancora una volta Lorenzo Pegoraro a mettere in riga tutta la concorrenza grazie innanzitutto ad una partenza che ha subito neutralizzato l’incognita della griglia invertita nelle prime sei posizioni di gara 1 e poi ad un sorpasso al primo giro su Davide Uboldi partito dalla pole position dopo il sesto posto di ieri. Il passo del pilota ternano di Best Lap diventa subito inavvicinabile per la concorrenza che resta a distanza e tutta in bagarre.

A spuntarla magistralmente per il secondo posto è Simone Riccitelli che, a soli 15 anni ed al primo weekend di gara in automobilismo, riesce a districarsi tra le scintille in pista e ad avere la meglio su avversari anche più esperti. Da incorniciare anche il terzo posto di Matteo Pollini che, dopo essere salito sulla vettura usata dal cugino Giacomo in gara 1, è subito protagonista del gruppo di testa nonostante i pochi km percorsi solo nelle prove libere.

Con solo sei decimi di ritardo dal terzo gradino del podio, Claudio Giudice (Scuderia Giudici) è autore di una rimonta furiosa dalla decima posizione in griglia e chiude così ottimo quarto firmando anche il giro più veloce, mentre dopo un avvio in salita Gianluca Carboni riesce a conquistare la quinta posizione sulla seconda “rossa” di Best Lap al traguardo.

Ancora una volta primo per la classifica Master e grande protagonista della bagarre Stefano Attianese (Bad Wolves) è sesto assoluto dopo aver dovuto difendersi fino all’ultimo giro da Andrea Gagliardini (Best Lap), tra i più scatenati nella bagarre e poi costretto al ritiro proprio nei chilometri finali.

Completano una Top-10 che per tutta la gara ha lottato fianco a fianco, Shahin Mobine (Bad Wolves), Uboldi e Simone Borelli nei colori BF Motorsport, Mikhail Spiridonov, mentre a seguire sul tragurdo sono Ron Eckardt (Bad Wolves), Gian Marco Gamberini (AB Racing) e Nicola Neri (Kinetic Racing Team).

Tra i protagonisti della lotta iniziale del gruppo di testa, ma costretti al ritiro, Dario Capitanio (Best Lap) e Mirko Zanardini (Ac Racing) e Jesse Menczer (Bad Wolves) entrambi dopo un contatto con lo svedese Simon Hultén (RPM RacePromote Scandinavia), poi penalizzato nel dopo gara.

LA CRONACA DI GARA 2

Alla prima variante Uboldi conserva il primato davanti a Pegoraro, Neri e Capitanio, mentre Zanardini va in testacoda dopo un contatto con Hulten. Già nel corso del primo giro Pegoraro riesce a portarsi al comando con Uboldi che resta incollato in scia e Neri che conserva la terza posizione fino al contatto ancora di Hulten che così rimescola le posizioni per il podio.

Al terzo giro Pegoraro continua in testa davanti a Capitanio, Matteo Pollini, Riccitelli, Mobine ed Hulten, mentre Uboldi scivola 11esimo ed alla fine di un gruppo tutto in minimo distacco. Se Pegoraro continua solo al comando, alle sue spalle si lotta ai ferri corti con Gagliardini che si allarga sulla sabbia quando era in lotta per il quinto posto alle spalle di Pollini ed Hulten e davanti ad Attianese.

Intanto al quarto giro Riccitelli riesce a guadagnare la seconda posizione, mentre Capitanio è poco dopo costretto al ritiro. In terza posizione sale così Mobine che precede Hulten, Pollini, Menczer, Gagliardini, Uboldi, Attianese e Giudice che completa la Top-10. Al sesto passaggio Pollini guadagna la terza piazza e Giudice ha la meglio su Attianese per la ottava posizione. Uboldi invece diventa decimo e deve vedersela con Carboni che segue in scia, mentre Hulten rientra ai box per poi riprendere attardato. Al nono passaggio alla prima variante Gagliardini spedisce Menczer in testacoda con il pilota britannico che è costretto al ritiro e Gagliardini che prima di dover subire 25 secondi di penalizzazione è quinto alle spalle di Pegoraro, Riccitelli, Pollini e Giudice autore di una sequenza di giri veloci.

Attianese prova in più occasioni l’attacco per la posizione anche in pista, ma ritarda la frenata allargandosi sulle vie di fuga della prima variante. Sesto risale così Carboni che poco dopo riesce a sopravanzare il compagno di squadra in Best Lap ora davanti ad Attianese, Mobine ed Uboldi. Il pluricampione italiano è scatenato ed all’11esimo passaggio sul rettilineo supera il pilota statunitense per l’ottavo posto. Una gara ricchissima di bagarre e spettacolo lascia invece Pegoraro imperturbabile e solo al comando davanti a Riccitelli, Pollini, Giudice, Carboni e Gagliardini che nel finale è alle prese con Uboldi, Attianese e poco più indietro Mobine.

Anche sapendo che il sorpasso sarebbe comunque arrivato d’ufficio, Uboldi lo vuole pista e con una manovra da antologia infila il rivale alla Parabolica nella penultima tornata. Il romano non ci sta e risponde, ma nel giro successivo Gagliardini deve cedere anche ad Attianese, così settimo. Le ostilità terminano solo sul traguardo con Pegoraro che vince in solitario davanti a Riccitelli, Pollini, Giudice, autore del giro più veloce della gara in 1’53.369, Carboni ed Attianese che si difende dall’attacco finale di Gagliardini che finisce poi in testacoda e deve fermarsi definitivamente. Mobine è settimo davanti ad Uboldi che deve accontentarsi dell’ottavo posto davanti a Borelli, Spiridonov, Eckardt, Gamberini, Neri ed Hulten.(Pa.Lelli.)

PUNTI CHIAVE DEL CAMPIONATO ITALIANO SPORT PROTOTIPI

La vettura

Il Campionato Italiano Sport Prototipi è riservato fino al 2022 alle Wolf GB08 Thunder. La vettura, completamente nuova, nasce partendo dal telaio monoposto già impiegato sulla Wolf GB08SM, in fibra di carbonio e rispondente agli standard di sicurezza FIA Formula 1 2005. Il motore Aprilia RSV4 1.000 cmc di derivazione motociclistica, da 192 CV a 12.500 giri/min, è sigillato per l’intera stagione, senza necessità di rialzo, il peso regolamentare è fissato a 475 kg con pilota a bordo (vettura 378 kg)).

I titoli in palio

Accanto al titolo di Campione Italiano Sport Prototipi riservato ai Piloti, alla Coppa Aci Sport Under 25, riservata a tutti i conduttori nati dall’1 gennaio 1993 in poi ed alla Coppa Aci Sport Team riservata a Concorrenti Persona Giuridica e Scuderie titolari di licenza valida per l'anno 2018, sono ora indette anche la Coppa Aci Sport Master, riservata a tutti i conduttori nati prima del 31 dicembre 1972 (over 45) e la Coppa Aci Sport Rookie (Esordienti) riservata ai piloti che abbiano gareggiato in non più di tre manifestazioni di qualunque Serie o Campionato Nazionale e/o Internazionale con vetture Sport Prototipi. A fine stagione Wolf Racing Cars assicurerà al vincitore del Campionato un contributo di 100.000 euro per la prosecuzione della carriera nel campionato Speed Euroseries 2018 – 2023 al volante di una Wolf GB08 Tornado schierata da team scelto tra quelli indicati dal Costruttore.

Il format dei weekend

Il programma delle manifestazioni conferma il format con doppia gara da 25 minuti + 1 giro. A variare sono invece la durata di prove libere e di prove ufficiali, rispettivamente da 50 minuti, anche in due turni e 20 minuti, in turno unico e soprattutto il criterio di griglia di partenza di gara 2. Se infatti fino alla scorsa stagione lo schieramento di gara 2 seguiva la classifica di un secondo turno di prove ufficiali, quest’anno il miglior tempo ottenuto nelle prove ufficiali di qualificazione, determinerà la posizione in griglia di gara 1, mentre l’ordine di arrivo di Gara 1 determinerà la griglia di partenza di gara 2 con le prime sei posizioni invertite. Sono ammessi anche equipaggi da due piloti per singola vettura sulla quale dividersi le due gare.

Handicap peso

È da quest’anno introdotto l’Handicap Peso assegnato ad ogni Equipaggio e/o Conduttore classificatosi ai primi tre posti (10 kg al primo, 7 kg al secondo, 5 kg al terzo) della classifica della manifestazione precedente come risultato della somma del punteggio totale conseguito in Gara 1 e Gara 2 (qualora due piloti abbiano ottenuto il medesimo punteggio totale, sarà discriminante il miglior punteggio ottenuto nella prima gara).

Punteggi

Ai fini dell’assegnazione dei titoli, per ciascuna classifica verranno assegnati punteggi alle prime dieci posizioni in gara e saranno conteggiati i punteggi relativi ai 10 migliori risultati. Ai fini della classifica Assoluta del Campionato Italiano Sport Prototipi, un punto sarà assegnato al conduttore che avrà realizzato il miglior tempo delle Prove Ufficiali di Qualificazione ed un punto a chi avrà realizzato il miglior tempo sul giro in gara. In caso di equipaggio con doppio conduttore, al termine delle prove ufficiali e di ciascuna Gara (comprensiva del giro veloce), l’eventuale punteggio conseguito sarà assegnato ad entrambi i conduttori, indipendentemente da chi abbia effettivamente conseguito il risultato.

Pneumatici

La dotazione di pneumatici slick, il cui fornitore è in corso di individuazione, sarà limitata a massimo 12 per ciascuna manifestazione (Prove Libere, Prove Ufficiali e Gare) di cui 8 nuovi e 4 punzonati in una qualsiasi Manifestazione precedente della stagione in corso. In occasione della prima manifestazione del 3 giugno a Monza la dotazione di slick sarà di massimo 12 pneumatici nuovi.

IL CALENDARIO 2018

3 giugno           Monza (con F4)

17 giugno         Misano (con SPRO)  

15 luglio         Mugello (con TCR e GT)

29 luglio         Imola   (con F4)

16 settembre Vallelunga (con F4 e TCR)

28 ottobre       Mugello (con F4 e GT)