16/08/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

LA DUCATI NON APPROFITTA DEL K. O. KAWASAKI, VINCE LOWES E DOPPIETTA YAMAHA

Brno. Lowes vince la seconda manche a Brno e tiene alle sue spalle il compagno di team VdMark e Davies. Quarta piazza per Laverty che anticipa Savadori. Sesto Rinaldi davanti a Camier e Fores. 15° e 16° Melandri e Sykes. E Rea?

Il campione del mondo, dopo aver festeggiato il successo n° 60 al termine della gara di sabato, aveva tutte le carte in regola per aggiungere un’altra perla alla sua collana di successi. Invece anche i campioni sono…umani e Rea lo ha confermato finendo lungo disteso sull’asfalto dopo un contatto con il compagno di squadra Tom Sykes che poco dopo faceva la stessa fine.

A quel punto ci si aspettava una risposta dei piloti Ducati essendo Chaz Davies l’unico veramente ancora interessato a tentare l’impossibile di avvicinare in classifica Rea per dargli “fastidio” nelle prossime gare. Un’occasione veramente d’oro perché sino ad ora non è mai capitato di vedere entrambe le “verdi” fiori dai giochi.

In testa alla gara si veniva a trovare Melandri tallonato dalle due Yamaha di Van der Mark e Lowes. Gara ben impostata visto che si era solo al quinto giro? Sulla carta certamente ma non nei fatti dal momento che Melandri era autore di un “lungo” clamoroso (problema di freni?) che lo portava per una cinquantina di metri nella sabbia e addio sogni di gloria dal momento che l’italiano si trovava ad inseguire in pratica dall’ultima posizione. Bravo Melandri a non darsi per vinto e a tentare una rimonta seppure pressoché impossibile.

A quel punto in testa si portava Lowes, seguito da Van der Mark , Laverty e Sykes che però scivolava nel corso del sesto giro. Anche Sykes rientrava per poi terminare sedicesimo, alle spalle di Melandri. Da qui in poi è stata una cavalcata trionfale per Lowes che non ha commesso errori mentre alle sue spalle Van der Mark non ha mai dato la sensazione di voler tentare un sorpasso puntando soprattutto a portare in porto una inaspettata doppietta. I due hanno chiuso nell’ordine, precedendo Chaz Davies che ha avuto la soddisfazione di tornare così sul podio sul quale non saliva da Imola ma oggi era tassativa la vittoria. Per Lowes é la prima vittoria dopo ben 118 gare.

Non solo le Yamaha ma anche le Aprilia hanno saputo approfittare delle cadute e degli errori degli avversari. Laverty quarto ha raccolto il suo miglior risultato stagionale precedendo Savadori e un sempre più concreto Rinaldi. Dopo Brno in classifica Rea ha 65 punti di vantaggio su Davies e 74 su Van der Mark . Il solco è ancora molto profondo, forse troppo soprattutto se non si è capaci di approfittare delle occasioni, per il momento Rea può dormire sonni tranquilli ben sapendo che a rischiare dovranno essere soprattutto gli avversari più vicini. (Petr Kucera)

Hanno detto:

Xavi Forés:«Oggi siamo stati più competitivi rispetto a ieri anche se continuo a faticare per tornare al livello di inizio stagione. In gara 2 ho spinto fino alla fine per cercare di raccogliere più informazioni possibili, per migliorare la moto e soprattutto per prendere punti in Campionato. Voglio ringraziare il team che mi ha supportato alla grande per tutto il weekend e che è riuscito a mettermi nelle condizioni di guidare molto meglio rispetto al sabato. Per tornare ai nostri livelli c'è ancora un po' di strada da fare.”

Chaz Davies:"Oggi abbiamo finalmente fatto un passo avanti dopo due giorni difficili, nei quali abbiamo faticato con il setup e la mancanza di grip. Anche se non ero ancora del tutto a mio agio, è stato abbastanza per consentirmi di difendermi e non accusare un calo sul finale. Naturalmente vogliamo fare di più, ma sono molto felice di essere tornato sul podio. È importante per il morale della squadra, continueremo a dare il massimo senza mai mollare. Questo è il mio 'grazie' per tutti loro. Abbiamo recuperato punti in campionato, ma la priorità resta quella di ritrovare il feeling ottimale e sono fiducioso che presto ci riusciremo".


Marco Melandri: "Guardando al nostro passo in gara oggi, era più che sufficiente per garantirci la vittoria, quindi finire 15º sicuramente lascia l'amaro in bocca. Abbiamo avuto molta sfortuna, perché mi sentivo davvero bene in sella e, una volta preso il comando, volevo dare lo strappo decisivo ma alla curva 3 ho rotto il pedale del freno posteriore e sono stato costretto ad andare nella via di fuga. Dopo, ho voluto comunque finire la gara per raccogliere informazioni importanti in vista di Laguna Seca. Guardando al lato positivo, abbiamo ripreso fiducia dopo aver migliorato la stabilità della moto quindi non vedo l'ora di tornare in pista a Laguna Seca, dove sicuramente potremo toglierci delle soddisfazioni".

Michael Ruben Rinaldi:"Il risultato di oggi, il migliore di quest'anno fin qui, è un bellissimo modo di chiudere un weekend non facile. Ieri eravamo veloci ma sono caduto, e questa mattina nel WUP abbiamo fatto un altro passo avanti. La gara è stata divertente, ma nei giri finali ero in crisi con le gomme anche perché le temperature erano salite ancora, quindi ho semplicemente cercato di non fare errori pensando che la sesta posizione poteva andare bene. Salteremo Laguna Seca ma farò il tifo da casa e non vedo l'ora di tornare in pista a Misano".

ORDINE DI ARRIVO GARA 2:

1. A. LOWES Yamaha Official WorldSBK Team Yamaha YZF R1 18 GIRI

2. M. VAN DER MARK NED Yamaha Official WorldSBK Team Yamaha YZF R1 +2.167

3. C. DAVIES Aruba.it Racing - Ducati Ducati Panigale R +7.649

4.E. LAVERTY Milwaukee Aprilia Aprilia RSV4 RF +9.422

5. L. SAVADORI Milwaukee Aprilia Aprilia RSV4 RF +9.716

6.M. RINALDI Aruba.it Racing - Junior Team Ducati Panigale R IND +12.967

7.L. CAMIER Red Bull Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR +17.341

8.X. FORES Barni Racing Team Ducati Panigale R IND +20.293

9.T. RAZGATLIOGLU Kawasaki Puccetti Racing Kawasaki ZX-10RR IND +23.613

10 .R. RAMOS Team GoEleven Kawasaki Kawasaki ZX-10RR IND +24.670

11.L. BAZ GULF ALTHEA BMW Racing Team BMW S 1000 RR +25.106

12.J. GAGNE Red Bull Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR +25.212

13. P. JACOBSEN Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR IND +28.172

14. Y. HERNANDEZ Team Pedercini Racing Kawasaki ZX-10RR IND +31.659

15.M. MELANDRI Aruba.it Racing - Ducati Ducati Panigale R +32.407

16.T. SYKES Kawasaki Racing Team WorldSBK Kawasaki ZX-10RR +36.305

17. L. MERCADO Orelac Racing VerdNatura Kawasaki ZX-10RR IND +39.367

18. O. JEZEK CZE Guandalini Racing Yamaha YZF R1 IND +44.976