21/06/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

PER JONATHAN REA E’ LA VITTORIA N° 60: NESSUNO COME LUI IN SUPERBIKE

Brno. Rea ha dominato la gara del sabato con una facilità disarmante portando a sessanta le sue vittorie e superando Fogarty nella classifica dei piloti più vincenti. Ci sono volute più partenze per arrivare al finale di questa gara che grazie a Rea passerà alla storia della Superbike. Dopo il primo via al terzo giro Rinaldi cadeva alla curva cinque e la sua moto danneggiava una barriera di sicurezza: bandiera rossa e gara ridotta da 18 a 17 giri.

Nella seconda partenza il semaforo rosso veniva acceso quando la griglia non era ancora regolarmente composta e restava acceso per troppi secondi per cui le moto di alcuni piloti si spegnevano ed i piloti alzavano la mano. Tutto da rifare. Finalmente al terzo tentativo la gara aveva inizio, ridotta nel frattempo a 16 giri.

Le due Kawasaki partivano subito forte, ma Sykes resisteva solo un giro mentre Rea volava via. Il solo che tentava di resistergli,facendo segnare pari temi, è stato marco Melandri che sembrava essere in giornata di gran spolvero. Anche per l’italiano la resistenza durava solo qualche giro e la seconda guida della Ducati pensava   al secondo posto tenendo a due secondi Tom Sykes.

Per i posti non sul podio era questione privata tra Van der Lark, Lowes e Laverty che finivano nell’ordine. In ottava posizione Chaz Davies, un Davies abulico, quasi disinteressato o forse meglio dire demotivato vista l’impotenza a rispondere allo strapotere della Kawasaki.

Certo se anche la Ducati ha deciso di tirare i remi in barca non riuscendo più a motivare il suo pilota dealer allora il campionato è veramente finito.(Petr Kucera)

Hanno detto:

Marco Melandri :“Dopo un round difficile, siamo riusciti a tornare competitivi. È sempre bello andare sul podio, anche se le condizioni della pista oggi erano davvero difficili. Mancava aderenza e la moto tendeva a sottosterzare. Alla prima partenza eravamo riusciti a stare con Rea, che aveva commesso un paio di errori, mentre alla ripartenza sapevo che sarebbe stata più dura perché le temperature erano salite ancora. Possiamo comunque essere soddisfatti, perché abbiamo gestito bene la situazione. Abbiamo risolto alcuni dei nostri problemi, anche se dobbiamo ancora migliorare. Domani sarà fondamentale partire forte dalla terza fila e fare bene i primi giri, poi tutto può succedere”.

Chaz Davies :“È stata una gara difficile. All'inizio mi sentivo abbastanza a mio agio ma, con l'alzarsi delle temperature, il grip è calato davvero molto in fretta, prima al posteriore e poi all'anteriore. Ho dovuto prendermi diversi rischi, ed ho fatto tutto il possibile per tagliare il traguardo il più avanti possibile. Dobbiamo analizzare i dati nel dettaglio e capire esattamente cosa ci ha penalizzato e come migliorare il feeling, perché sappiamo quali risultati siano alla nostra portata”.  

Michael Ruben Rinaldi:“Sono dispiaciuto per la scivolata, perché eravamo competitivi. Per fortuna però le bandiere rosse mi hanno consentito di tornare ai box ed i ragazzi hanno fatto un grande lavoro per mettermi a disposizione la seconda moto, che però naturalmente aveva un setting diverso. Abbiamo raccolto un punticino pur partendo da ultimi, che è molto importante per il morale di tutta la squadra. Proveremo a rifarci domani, senza commettere errori”.

Xavi Forés:«Da due gare non riesco più a trovare il feeling con la moto che avevo prima, qui i problemi sono diversi da quelli di Donington, ma il risultato è lo stesso. E’ molto strano perché da Imola non abbiamo cambiato niente sulla moto e se in Inghilterra erano tutte le Ducati ad avere problemi qui Melandri è andato molto forte. Per domani cercheremo di affrontare il problema con una strategia differente e cercheremo di rimontare».

Loris Baz:"Sono caduto a cinque giri dalla fine, ma ero in difficoltà a causa della mancanza di grip al posteriore sin dall’inizio. Un problema che abbiamo avuto anche su altre piste, ma qui è ancora più evidente. Ho fatto un buon giro in Superpole con la gomma da qualifica, ma anche lì il grip non era ottimale. In gara, abbiamo montato una nuova gomma per il restart ed ho fatto del mio meglio per restare vicino al gruppo davanti a me, ma purtroppo ho perso aderenza all’anteriore. Ho potuto finire la gara, non volendo mollare, ma è un vero peccato che non abbiamo concluso dove avremmo voluto.”

Jonathan Rea:“Sono molto felice non solo per la vittoria, ma anche per aver potuto festeggiare questo incredibile record di 60 vittorie in Superbike. Un record che resterà nella storia di questo campionato. Si Brno per me è una pista davvero specialem nel 2010 ho battuto Max Biaggi, nonostante questa sia sempre stato il suo circuito preferito, perfetto per il suo stile di guida, con lunghi curvoni veloci. Mi piace molto la pista e nel tempo ho imparato a guidare sempre meglio anche grazie a Carlos Checa, dal quale ho imparato alcuni segreti di questa pista, che lui affrontava in modo differente rispetto agli altri. Qui è molto importante come fai le staccate, quando e come rilasci i freni ed il gas. Devi essere molto fluido per essere costantemente veloce».

ORDINE DI ARRIVO:

1 J. REA Kawasaki Racing Team WorldSBK Kawasaki ZX-10RR 16 GIRI

2. M. MELANDRI Aruba.it Racing - Ducati Ducati Panigale R +5.381

3. T. SYKES Kawasaki Racing Team WorldSBK Kawasaki ZX-10RR + 7.336 2'00

4 M. VAN DER MARK Yamaha Official WorldSBK Team Yamaha YZF R1 +11.893

5. A. LOWES Yamaha Official WorldSBK Team Yamaha YZF R1 +13.145

6.E. LAVERTY Milwaukee Aprilia Aprilia RSV4 RF +14.210

7.L. SAVADORI Milwaukee Aprilia Aprilia RSV4 RF +17.051

8. C. DAVIES Aruba.it Racing - Ducati Ducati Panigale R +17.743

9. L. CAMIER Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR +18.104

10.T. RAZGATLIOGLU Kawasaki Puccetti Racing Kawasaki ZX-10RR IND +21.783 2'01

11. Y. HERNANDEZ Team Pedercini Racing Kawasaki ZX-10RR IND +30.614

12. L. MERCADO Orelac Racing VerdNatura Kawasaki ZX-10RR IND +31.111

13.R. RAMOS Team GoEleven Kawasaki Kawasaki ZX-10RR IND +31.188 2'01

14. X. FORES Barni Racing Team Ducati Panigale R IND +31.864

15. M. RINALDI Aruba.it Racing - Junior Team Ducati Panigale R IND +33.079

16. P. JACOBSEN Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR IND +33.685

17.O. JEZEK Guandalini Racing Yamaha YZF R1 IND +53.662

18.L. BAZ GULF ALTHEA BMW Racing Team BMW S 1000 RR +1'44.844