24/04/2018
Direttore: Franco Liistro

Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati

Euautopezzi
 

DOPPIETTA DUCATI (DOVIZIOSO – LORENZO), MARQUEZ E’ A +21, AFFONDANO YAMAHA E SUZUKI

 

 

Sepang. Dovizioso c’è!! la Ducati c’è !!  ma con ogni probabilità tutto è stato vano dal momento che Marquez si presenta  a Valencia, ultima gara del 2017, con 21 punti di vantaggio  quanto basta per poter gestire  una corsa in cui Dovizioso dovrà vincere e sperare…

La Ducati torna in Europa con una clamorosa doppietta nel carniere, un acuto da non sottovalutare  anche se qualche rimpianto, per qualche errore o leggerezze  di troppo,  tormenterà piloti e staff nelle prossime settimane.  E forse sul risultato finale peserà anche il rendimento a corrente alternata  di Jorge Lorenzo che solo a Sepang si è ricordato di essere un pilota Ducati, voluto fortissimamente dalla Ducati non per fare il “secondo” ma per vincere.

Oggi però Lorenzo ha fatto una gran gara e il suo podio ha tenuto più indietro Marquez  dando indirettamente  una mano a Dovizioso. Al via un acquazzone ha mutato di colpo tutte le strategie e costretto i piloti  a rivedere i piani di battaglia…..una situazione certo favorevole alla Ducati.

Alla partenza è scattato come un razzo Zarco che ha già dimostrato che in certe situazioni non è secondo a nessuno ma la sua leadership  è durata sino al nono giro quando Lorenzo in primis e poi Dovizioso  decidevano  di rompere gli indugi.  Il maiorchino ha comandato la gara fino a quattro  giri dalla fine quando a causa di un errore in frenata – veramente  un errore fortuito ? – ha dovuto lasciare passare il compagno di squadra.

Da quel momento per Dovizioso tutto è stato facile anche perché alle sue spalle Lorenzo gli garantiva  la giusta copertura mentre Marquez senza grandi guizzi  continuava a occupare la quarta posizione. Difficoltà vera o saggezza  per non correre rischi? E’ l’unico dilemma. 

Dietro Marquez, al 5° posto, ha tagliato il traguardo Pedrosa, davanti a un Petrucci che ha fatto una straordinaria rimonta dopo essere partito dall’ultima posto dello schieramento dopo un guasto alla sua Ducati nel giro di allineamento.

 Completamente fuori dai giochi, nonostante qualche promessa alla vigilia, le Yamaha che sono sembrate veramente  la brutta copia, e i piloti hanno puntato il dito sull’effetto bagnato, delle moto viste la scorsa settimana in Australia. Così Rossi ha  chiuso con un modestissimo  settimo postoma peggio ancora ha fatto Vinales  con il nono posto.

Peggio ancora è andata la Suzuki che in Australia sembrava  essere improvvisamente rinata: Iannone ha chiuso addirittura al diciassettesimo posto. Anche in questo caso il dilemma: quale è la vera Suzuki?

Ed ora  tutti a Valencia con il boss della MotoGP, Carmelo Ezpeleta,  che si frega le mani e sfodera un sorriso a tutto denti: grazie a Marquez e Dovizioso  il pieno di spettatori è garantito e la audience televisiva toccherà picchi incredibili….

Hanno detto:

Andrea Dovizioso: “E’ stato un weekend davvero perfetto: siamo stati veloci in tutti i turni, sia con l’asciutto che col bagnato, e oggi sotto la pioggia siamo riusciti a dominare. Qui a Sepang Jorge ed io avevamo un vantaggio di moto, perché la nostra Desmosedici era molto veloce, e siamo riusciti a gestire la gara al meglio anche se le condizioni dell’asfalto erano molto difficili perché c’era davvero poco grip. Sono molto contento per questa vittoria che mi tiene ancora in gioco per il campionato e, anche se so che a Valencia sarà molto difficile perché è una pista dove Marquez va molto forte, andremo in Spagna con ottimismo cercando di portare a casa il massimo risultato.”

 Jorge Lorenzo: “E’ stata una grande gara che dimostra la progressione che abbiamo fatto durante tutto il fine settimana. Ero molto a mio agio sulla moto e, anche se avrei preferito una gara asciutta, quando ho visto che pioveva ho cambiato mentalità ed ho cercato di mantenere la massima concentrazione, per evitare un errore come a Misano. Ho spinto al massimo ma negli ultimi giri sono andato un po’ in crisi con le gomme, soprattutto con quella anteriore, e mi sono preso qualche spavento in varie curve. Non era il caso di fare sciocchezze e quando ho rischiato di cadere alla curva 15 e mi ha passato Andrea ho capito che non me la sarei potuta giocare per la vittoria. So perfettamente quanto è importante per Ducati un titolo mondiale e Dovizioso ha fatto una stagione fantastica e si merita di lottare per il campionato fino all’ultima gara. In questo weekend Andrea è sempre stato più veloce e sono contento per la squadra per questa prima doppietta della stagione, perchè significa che stiamo lavorando molto bene.”

 Luigi Dall’Igna (Direttore Generale di Ducati Corse):“Sono davvero contento per lo splendido risultato di oggi, che tiene ancora aperta la lotta per il titolo mondiale piloti fino all’ultimo GP. Sia Andrea che Jorge hanno fatto una gara perfetta, senza commettere errori nonostante le condizioni insidiose dell’asfalto e la Ducati ha dimostrato di essere la moto da battere su questa pista. Un risultato di squadra da incorniciare: adesso andiamo a Valencia consapevoli che sarà un’impresa difficile ma che giocheremo le nostre carte fino all’ultimo.”

 Sam Lowes:"Sono rimasto sorpreso già durante il giro di allineamento di quanto le condizioni della pista fossero diverse rispetto alle FP2. In quella sessione, sul bagnato, mi ero trovato molto bene mentre oggi ho faticato molto con il grip. Purtroppo nel gruppo ho commesso un piccolo errore, ero leggermente fuori traiettoria e questo è bastato a farmi perdere l'anteriore. Un peccato perché sul bagnato avevamo la possibilità di fare progressi, ma in una gara così difficile sono cose che possono capitare".

Marc Marquez: "È stata la gara più difficile che avremmo potuto avere per il mondiale, perché con la pioggia la pista era estremamente scivolosa. Ho avuto un buon inizio e ho spinto per non restare bloccato nel gruppo, poi ho cercato il mio ritmo, ma ho visto che le due Ducati erano molto veloci e ho deciso di non prendere troppi rischi e puntare solo a fare buoni punti per il campionato. Non era la gara per vincere il titolo, ma per avvicinarsi alla sua conquista e sono contento perché dopo un week-end difficile abbiamo comunque chiuso al 4° posto. Ora dobbiamo restare concentrati e non rilassarci troppo pensando al vantaggio che c'è: abbiamo vinto il titolo Costruttori ed è un primo passo".

Valentino Rossi: "Speravamo di fare un buon risultato anche perché quest'anno non credo che siamo mai riusciti a fare due gare di fila molto bene  ma siamo stati sfortunati, perché sull'asciutto potevo lottare per il podio. Sull'acqua fatichiamo, manca grip dietro, abbiamo provato a cambiare completamente la moto, ma i problemi sono rimasti. Ci dispiace perché non sappiamo quale possa essere la soluzione. Zarco ha fatto una bella gara, la moto dello scorso anno 2016 sul bagnato va bene, ma è strano che non riusciamo a capire come mai questa non va: gli consiglio di continuare con quella che ha adesso...Per me il potenziale della moto non è male, ma va trovato il modo di far funzionare le gomme. La moto dell'inizio dell'anno aveva grossi problemi, questa ce l'abbiamo solo da Silverstone e io poi mi sono anche rotto una gamba: siamo in ritardo, ma sull'asciutto abbiamo capito cose importanti".(John Sturm)

ORDINE DI ARRIVO:

1.Andrea DOVIZIOSO Ducati Team Ducati  44'51.497 
2.Jorge LORENZO Ducati Team Ducati +0.743 
3.Johann ZARCO Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +9.738 
4.Marc MARQUEZ Repsol Honda Team Honda +17.763 
5.Dani PEDROSA Repsol Honda Team Honda +29.144 
6.Danilo PETRUCCI OCTO Pramac Racing Ducati  +30.380 
7. Valentino ROSSI Movistar Yamaha MotoGP Yamaha  +30.769 
8.Jack MILLER EG 0,0 Marc VDS Honda +35.238 
9.Maverick VIÑALES Movistar Yamaha MotoGP Yamaha +38.053 
10.Pol ESPARGARO Red Bull KTM Factory Racing KTM  +39.847 
11.Alvaro BAUTISTA Pull&Bear Aspar Team Ducati +42.559 
12.38 Bradley SMITH Red Bull KTM Factory Racing KTM +44.602 
13.Scott REDDING OCTO Pramac Racing Ducati +48.696 
14.Hector BARBERA Reale Avintia Racing Ducati +50.058 
15.Cal CRUTCHLOW LCR Honda Honda +50.705 
16.Michael VAN DER MARK Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +56.397
17.Andrea IANNONE Team SUZUKI ECSTAR Suzuki +58.391 
18.Tito RABAT  VDS Honda +1'25.571

Il campionato
1.Marquez 282 punti; 2.Dovizioso 261; 3.Viñales 226; 4.Rossi 197; 5.Pedrosa 185; 6.Zarco 154; 7.Lorenzo 137; 8.Petrucci 121; 9.Crutchlow 104; 10.Folger 84