17/07/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

NELLA WSK OPEN CUP VITTORIE DI LONGHI, COLUCCIO, SMAL E STENSHORNE

 

Lonato .La giornata delle Finali ha premiato piloti che con gran merito si sono aggiudicati la vittoria nella WSK Open Cup, manifestazione in prova unica nella quale nuovi piloti in carriera nel karting internazionale hanno arricchito il proprio palmarés. Il prosieguo del calendario WSK vede ora in vista la WSK Final Cup, che avrà la prima delle sue tre tappe nuovamente a Lonato il prossimo 21 ottobre.

Riccardo Longhi conquista la KZ2

Dopo aver vinto la Prefinale B, l’emiliano Riccardo Longhi (BirelArt-TM-Bridgestone) ha dato il meglio di sé in Finale, restando sempre al comando della gara. Suo principale sfidante è stato il bresciano Marco Ardigò (Tony Kart-Vortex), con il quale il confronto per la vittoria è stato brevissimo: sfilato in testa già al secondo giro, Longhi ha avuto alle spalle per tutta la gara un Ardigò sempre temibile, seguito a sua volta dall’altrettanto competitivo francese Anthony Abbasse (Sodi-TM). Il traguardo ha infine confermato la vittoria di Longhi, seguito da Ardigò, mentre gli ultimi giri hanno visto salire al terzo posto l’olandese Marijn Kremers (BirelArt-TM). In alto, il podio KZ2.

Per Luigi Coluccio prima vittoria WSK in OK

Ha dimostrato a lungo la propria competitività, prima di riuscire a centrare la sua prima vittoria in WSK in classe OK: il leccese Luigi Coluccio (BirelArt-TM-Bridgestone) ha sfoderato oggi le sue armi migliori, vincendo in Prefinale per poi scattare dalla pole position in Finale e allontanarsi progressivamente dagli avversari. Tra questi, il padovano Mattia Michelotto (KR-Parilla) è rimasto a lungo al secondo posto, prima di essere scavalcato dall’olandese Kas Haverkort (CRG-TM), il quale si è stabilito definitivamente dietro il vincitore Coluccio. Michelotto ha poi perso anche lasuccessiva lotta per il terzo posto, nella quale ha prevalso lo spagnolo David Vidales (Tony Kart-Vortex). Sopra, il podio OK.

Kiril Smal prende lo scettro della OK Junior

Nella Finale OK Junior il podio si è deciso solo negli ultimi giri: protagonista in testa alla gara è stato il russo Kiril Smal (Tony Kart-Vortex), che correva verso la vittoria seguito dall’olandese Thomas Ten Brinke (FA Kart-Vortex). Alle spalle dei due si è sviluppata una aspra lotta per il terzo posto, nella quale è stato sfortunato il britannico Kai Askey (FA Kart-Vortex), che ha visto sfumare la posizione a podio dopo una serie di toccate tra più protagonisti, a due giri dalla fine. A trarne vantaggio è stato il russo Nikita Bedrin (Tony Kart-Vortex), che ha infine concluso terzo. Sopra, il podio OKJ.

Martinius Stenshorne resta re in 60 Mini

La Finale 60 Mini ha visto scattare al comando dalla pole il bolognese Andrea Kimi Antonelli (Energy-TM-Vega), poi spodestato dallo svedese Joel Bergstrom (IP Karting-TM), a sua volta battuto dal norvegese Martinius Stenshorne (Parolin-TM), che dopo un’ultima schermaglia ha infine tagliato il traguardo da vincitore. Il podio si è definito solo all’ultimo giro, quando gli sviluppi della battaglia decisiva hanno visto arretrare Bergstrom a favore del trevigiano Brando Badoer (Parolin-TM), il quale ha concluso secondo davanti al giamaicano Alex Powell (Energy-TM). Sopra, il podio 60 Mini.(Francesco Candido)