18/07/2018
Direttore: Franco Liistro
Qui troverete ottimi autoricambi Opel a prezzi stracciati
euautopezzi.it
Qui troverete autoricambi di qualità a prezzi economici
autopezzistore.it
 

L’ASTON MARTIN IN F.1 CON LA RED BULL

 

Londra.  L’Aston Martin  entra in F.1 !   Con il  cambio di nome e un  nuovo logo prende il via la partnership, siglata a settembre, tra la Red Bull e la Aston Martin, storica casa automobilistica britannica che  dal dicembre 2012 è controllata dal   fondo Investindustrial  al cui vertice c’è Andrea Bonomi della storica famiglia milanese Bonomi.

La "Aston Martin Red Bull Racing" (questo il nuovo nome del team diretto da Chris Horner )  ha reso pubblico il nuovo logo:  é rimasto sostanzialmente invariato nei colori e nello sfondo, presentando come unico elemento di novità la scritta Aston Martin sopra il logo Red Bull.

L’Aston Martin entra in F.1 un pò come ha fatto l’Alfa Romeo che al momento  è solo un’operazione di marketing per rafforzare a livello internazionale l’immagine della Casa del Biscione?  Qualcosa di differente c’è:  sia perché da anni la Casa britannica è impegnata, con successo, in diversi  campionati GT   sia perché l’accordo prevede, anche se non dichiarato ufficialmente, l’impegno a realizzare un apposito propulsore per la F.1 e questo permetterebbe alla Red Bull di avere, in prospettiva, un’alternativa alla fornitura Renault senza poi dimenticare che nel  capitale  azionario dell’Aston Martin c’è una presenza della Mercedes……

Da alcune parti però si ipotizza anche  che questa partnership sia l’inizio  di un disimpegno di Dietrich Mateschitz, fondatore e presidente del Gruppo produttore della bevanda “con le ali”, che da tempo non ha nascosto la convinzione  dell’esaurimento della forza trainante della F.1 per l’immagine Red Bull.

Di sicuro l’ Aston Martin farà sentire la sua presenza  e non è da escludere  che, prima o poi,  si vedrà in pista  anche una monoposto verde che è il colore istituzionale dell’Aston Martin   invece di una monoposto dalla caratteristica livrea blu, giallo e rossa. I regolamenti attualmente non lo permettono ma con i nuovi proprietari della F.1 della Liberty Media tutto potrebbe essere possibile…..business is business !! (F.L.)